Seleziona una pagina

ROCCA SFORZESCA

Il sistema difensivo di Bagnara, messo in atto da Barnabò Visconti nel Trecento, consisteva in un fossato che circondava una cinta muraria in cui era inserita la rocca.
E’ l’unico esempio, in tutta la pianura emiliano-romagnola, di “castrum” medievale tuttora completo.

Bagnara di Romagna Rocca SforzescaL’attuale rocca sorse nel quindicesimo secolo sulle rovine della precedente. La sua ricostruzione richiese diversi decenni ed è forse dovuta ai signori che allora si avvicendarono nel dominio di Bagnara: il vescovo di Imola, i Manfredi, i Colleoni, Girolamo Riario e Caterina Sforza.
Le ultime opere apportate furono il mastio, situato a ovest e risalente al 1479 e gli eleganti loggiati attribuiti alla stessa Caterina.
Dopo l’effimera conquista di Cesare Borgia detto “il Valentino”, intorno all’anno 1500, a Bagnara seguirono alcuni decenni di instabilità, fino a quando la località tornò alla Santa Sede. La rocca divenne la residenza del commissario vescovo di Imola, per cui fu riconvertita a questa nuova funzione con la copertura in laterizio delle due torri e la sistemazione degli altri ambienti a destinazione civile.

Nel Seicento fu anche soppresso il ponte levatoio, che collegava direttamente la rocca con l’esterno, e del quale sono tuttora visibili i ganci e lo scivolo.
Dopo l’unità d’Italia fu acquistata dal Comune e adibita a varie destinazioni.

Oltre al mastio, del quale si possono visitare la sommità, le casematte e il sotterraneo, merita uno sguardo anche l’altra torre, posta a est, che ricorda l’antica costruzione viscontea, un autentico gioiello. Si possono anche osservare le bocche da fuoco e i sistemi difensivi precedenti, l’elegante loggetta di Caterina, il cortile recentemente ripristinato e la sala di rappresentanza. Alle sue pareti sono appesi otto pregevoli quadri, opere del Seicento e del Settecento, lascito di un signore bolognese.

Oggi ospita al suo interno il Museo del Castello, in cui si possono seguire percorsi che raccontano, anche grazie a preziosi reperti archeologici, la storia del territorio e dei suoi stili di vita sin dall’Età del Bronzo, oltre a memoria e racconti delle personalità dei Signori della Rocca.

Informazioni utili

Indirizzo: Piazza IV Novembre 3 – 48031 Bagnara di Romagna (RA)
Telefono: 0545 905540 Museo del Castello
Fax: 0545 76636
Email: museodelcastello@comune.bagnaradiromagna.ra.it
Sito Web: http://www.comune.bagnaradiromagna.ra.it/Citta-e-territorio/Cultura/Musei/Il-Museo-del-Castello
http://www.bagnaraturismoalcastello.it/CASTELLO-E-MUSEO/IL-CASTELLO

Come arrivare
La rocca è situata nel centro storico, all’interno delle antiche mura.
Parcheggio auto e pullman nelle immediate vicinanze. Parzialmente accessibile ai diversamente abili.

Informazioni su orari
sabato, domenica e festivi, ore 10.00-13.00 | 15.00-18.00.
Nei mesi di luglio e agosto, ore 10.00-13.00. Il visitatore è pregato di verificare telefonicamente che gli orari (ed enventuale biglietto di ingresso) non siano stati modificati

Nuove disposizioni per il contenimento del contagio da Covid-19
Dal 23 maggio 2020: solo su prenotazione, negli orari su indicati, scrivendo a museodelcastello@comune.bagnaradiromagna.ra.it o chiamando lo 0545 905540.

Giorni di chiusura
1° gennaio, 15 agosto, 25 dicembre

Ingresso gratuito

(Aggiornato al 29/07/2020)

logo bassa romagna mia

Sito ufficiale di informazione turistica dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Piazza della Libertà, 13
48012 Bagnacavallo (RA)
Tel. +39 0545 280898
turismo@unione.labassaromagna.it

P.IVA e Cod. Fiscale 02291370399
P.E.C. pg.unione.labassaromagna.it@legalmail.it